Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Sezioni

Tu sei qui:HomeAttività in corsoE - DisseminazioneCall for Interest: gli esiti della selezione

Call for Interest: gli esiti della selezione

Tra le attività previste per favorire la trasferibilità e replicabilità del progetto, il Life Lagoon Refresh ha indetto, il 1° dicembre 2019, una “Call for Interest allo scopo di selezionare sei siti su cui trasferire strategie, azioni e metodi del progetto, attraverso un programma serrato di visite, preparazioni di scenari e attività da seguire nell’After-Life del Life Lagoon Refresh. L’iniziativa è rivolta a Water Manager, Autorità competenti, mondo della Ricerca e associazioni ambientaliste, ossia soggetti coinvolti nel monitoraggio, valutazione, conservazione e ripristino di siti lagunari italiani o europei.

 

Al bando, chiuso il 15 febbraio 2020, hanno partecipato ben quattordici candidature provenienti da Università, Enti locali e Associazioni Ambientaliste. La selezione, gestita dal Coordinatore del Progetto (ISPRA), è stata ardua, poiché le proposte sono state molte e di elevato livello qualitativo. Tutti i partecipanti hanno ricevuto un feedback positivo da parte di ISPRA. A livello nazionale i tre siti selezionati sono stati: Acquatina di Frigole (Lecce), alcune lagune Venete del Delta del Po e le lagune del Ravvenate, Punta Alberete e Valle Mandriole. A livello europeo la scelta è ricaduta sulla laguna spagnola di Albufera, le saline francesi di Hyeres e gli ambienti di transizione greci di Nestos Delta e Porto Lagos. Per alcuni dei partecipanti al bando, specificatamente interessati al trapianto delle fanerogame acquatiche (Lake Grevelingen – Olanda, Curonian Lagoon – Lituania, Berre Lagoon – Francia, Wolin and Uznam - Polonia), sarà organizzata un’iniziativa specifica sul tema. Con i progetti Life che hanno partecipato alla Call for Interest (es.: Life Primed) sono, inoltre, stati attivati gli scambi utili al proseguimento delle attività di Networking.

Congratulazioni ai vincitori con i quali abbiamo per ora rimandato le visite al 2021, in attesa che l’emergenza sanitaria ci permetta un po’ più di libertà di movimento.