Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Sezioni

Tu sei qui:HomeProgetto

Progetto

Progetto

Codice di progetto: LIFE16 NAT/IT/000663
Data inizio: 01/09/2017
Data fine: 31/08/2022
Budget: 3’315’130.00 €
Localizzazione: Veneto (Italia)

Il progetto LIFE LAGOON REFRESH prevede il ripristino nel SIC “Laguna Superiore di Venezia” (IT3250031) dell’ambiente ecotonale tipico delle lagune microtidali, caratterizzato da un marcato gradiente salino e da ampie superfici intertidali vegetate da canneto (principalmente Phragmites australis).

Il progetto intende raggiungere i seguenti obiettivi:

1) Migliorare il Grado di Conservazione dell’habitat 1150* Lagune costiere (Dir. 92/43/CEE) e contribuire al raggiungimento del buono stato ecologico (Dir. 2000/60/CE) dei corpi idrici:

a) ricreando ambienti oligo-mesoalini di tipo estuarino, così da contrastare l’impoverimento della comunità macrobentonica e ittica verificatasi negli anni in laguna in cui le specie salmastre sono state sostituite da quelle marine;

b) riducendo il grado di eutrofizzazione delle acque, grazie alla funzione fitodepurativa del canneto, favorendo la presenza di specie sensibili e di piante acquatiche di elevato valore ecologico.

2) Migliorare nella ZPS IT3250046 “Laguna di Venezia” lo stato di conservazione di specie ornitiche incluse nell’all. l della Dir. 2009/147/CE, che utilizzano l’ambiente a canneto in periodo di svernamento e/o riproduttivo per il foraggiamento, il riposo notturno o la nidificazione (Phalocrocorax pygmeus*, Botaurus stellaris*, Ardea purpurea, Ixobrychus minutus, Circus aeruginosus, C.cyaneus, Alcedo attui).

3) Incrementare la presenza della specie ittica Pomatoschistus canestrinii, inclusa nell’all. II della Dir. 92/43/CEE, richiamata dalla presenza di ambienti a bassa salinità.

Il ripristino del gradiente salino e delle superfici di canneto contribuiranno inoltre all’aumento della biodiversità nel SIC, in linea con la strategia Biodiversità 2020. Oltre alle specie già citate, si prevede infatti l’incremento di altre specie ornitiche di particolare interesse conservazionistico, quali Locustella luscionioides, Acrocephalus arundinaceus, Panurus biarmicus, Emberiza schoeniclus eittiche, quali la spigola (Dicentrarchus labrax), l’anguilla (Anguilla anguilla), i cefali (gen. Mugil, Liza, Chelon), il latterino (Atherina boyeri), la passera (Platichthys flesus), novellame di varie specie e Decapodi (Palaemon spp. e Palemonetes sp.) anche di interesse commerciale.

 

 Cosa stiamo realizzando